Navigazione: Vai all'inizio del testo (salta il menu di navigazione), Vai alla ricerca, Vai alla selezione lingua, Via ai link importanti, Vai alle informazioni aggiuntive (salta il contenuto) Vai al menu di navigazione principale,

A A A

La campagna di prevenzione

Da diversi anni ormai le armi ad aria compressa e altri tipi di imitazioni di armi sono articoli di tendenza nel mercato europeo e vengono venduti in grosse quantità anche nei negozi online. Il produttore principale di materiali per le imitazioni è il Giappone. Le piccole palline sparate da queste armi possono essere molto pericolose per le persone, soprat-tutto per gli occhi. Ma ancora più pericolosi sono gli effetti che possono essere provocati confondendo queste armi con quelle vere e proprie.
Il divieto della legge risponde al pericolo di fare confusione
Il problema fondamentale è che spesso nemmeno gli esperti sono in grado di distinguere con facilità le armi ad aria compressa da quelle da fuoco vere e proprie. Alcuni episodi accaduti all’estero hanno dimostrato che le conseguenze dei reati commessi utilizzando armi ad aria compressa possono essere molto gravi.

Le armi ad aria compressa non sono giocattoli. Per questo motivo non devono finire nelle mani dei bambini. A partire dal 12 dicembre 2008, la nuova legge federale sulle armi (LArm) ha fissato nuove regole per l’utilizzo di questo tipo di armi e di altre imitazioni.

Quando anche durante un gioco le armi finte vengono utilizzate come strumento di minaccia, provocano delle reazioni che possono avere conseguenze anche molto gravi.

Queste armi infatti provocano la stessa reazione di quelle da fuoco vere e proprie. La persona che viene messa sotto pressione non è in grado di riconoscere che l’arma è innocua, la sua reazione è puramente istintiva, come se fosse minacciata da un’arma vera. Gli effetti provati davanti alla minaccia di un’arma finta dunque possono essere paragonati a quelli provocati delle armi vere. E’ questo il pericolo più grande che si corre utilizzando queste armi.

La revisione della legge ha tenuto conto di questo elemento.
Obiettivi della campagna
Prima del 2009 l’obiettivo principale della campagna di prevenzione era quello di illustrare i pericoli che si corrono se si confondono le imitazioni di armi con armi vere. Oggi l’obiettivo è cambiato. Dal 12 dicembre 2008 è entrata in vigore la nuova legge federale sulle armi (LArm) che regola l’utilizzo delle imitazioni di armi.

Il nuovo obiettivo della campagna di prevenzione “Armi Soft Air” è quello di :

Informare i cittadini sullo stato attuale della legge.
Organizzazioni partecipanti
La campagna di prevenzione “Armi Softair” è stata elaborata nel 2001 da un gruppo di lavoro interdisciplinare ed è stata ulteriormente sviluppata dall’Ufficio federale di polizia (fedpol) e dalla Prevenzione svizzera della criminalità (PSC).

Le informazioni integrano la campagna contro la violenza “Insieme contro la violenza” promossa dalla Prevenzione svizzera della criminalità (PSC).

Le organizzazioni che sostengono la campagna “Armi Softair“ sono:


Abonnamenti

Twitter

Facebook


Indirizzi

Top 10 FAQ

Top 10 Downloads