Navigazione: Vai all'inizio del testo (salta il menu di navigazione), Vai alla ricerca, Vai alla selezione lingua, Via ai link importanti, Vai alle informazioni aggiuntive (salta il contenuto) Vai al menu di navigazione principale,

A A A

Sempre e solo subire – oppure difendermi?

La «violenza domestica» danneggia non solo fisicamente, ma anche psicologicamente. Molte vittime hanno alle spalle un lungo vissuto di offese, oppressioni e violenze.

La loro autostima è ridotta ai minimi termini. Hanno perso la forza o il coraggio di difendersi e magari pensano persino che sia tutta colpa loro. Esistono però validi motivi che costringono le donne a restare intrappolate in relazioni violente: la convinzione di poter essere meglio responsabili nei confronti dei figli; la dipendenza finanziaria; oppure temono, in quanto straniere, di perdere il permesso di soggiorno. Ecco perché le vittime della «violenza domestica» reagiscono spesso in modo del tutto diverso da ciò che ci si aspetta. Ciò di cui hanno bisogno è innanzi tutto una persona che le sostenga e le comprenda.

Avete paura? Vi vergognate? Vi sentite sole?

Allora sappiate che è proprio così che si sentono molte vittime. Nella vostra situazione queste reazioni sono assolutamente normali. Anormale è invece la situazione nella quale vi trovate. Non esiste alcun motivo che possa giustificare la violenza. Avete il diritto di essere amata e rispettata. La nostra legge non tollera in nessun caso una simile violenza. Avete dei diritti che potete far valere. Perciò non esitate più. Sciogliete il silenzio e cercate aiuto.
Ecco cosa potete fare
  • Chiamate la polizia se vi sentite minacciate.
  • Sporgete denuncia.
  • Rivolgetevi a un consultorio gratuito se vi occorre un colloquio, un sostegno giuridico, psicologico o materiale. Per una panoramica dei servizi visitate i siti internetwww.prevenzione-criminalita.ch, www.frauenhaus-schweiz.ch e www.sodk-cdas-cdos.ch.
  • Chiedete l’adozione da parte dell’autorità civile di una misura protettiva (una panoramica dei tribunali si trova nel sito: www.gov.ch). Il tribunale può per esempio assegnarvi l’abitazione, la custodia dei figli e stabilire l’obbligo del partner a prestare gli alimenti.
  • Identificate ed informate una persona a voi vicina e di vostra fiducia per poterla chiamare in aiuto in caso di bisogno.
  • Proteggete i vostri effetti personali (carta d’identità, conto bancario, permesso di soggiorno, oggetti per voi importanti) custodendoli al sicuro, in un luogo esterno alla vostra abitazione.
  • Parlate con i vostri figli e spiegate loro come devono comportarsi in caso di necessità.
  • Se intendete lasciare l'abitazione comune preparate con cura la vostra partenza. Mettete in una borsa tutto ciò che potrebbe servirvi. Stabilite in anticipo dove potreste recarvi.
Navigare in modo anonimo
Attenzione! Non dimenticate che navigando lasciate delle tracce nel vostro browser.

Se foste una vittima della violenza domestica e avete letto questa o altre pagine oppure le avete addirittura marcate con un segnalibro e inserite nell’elenco dei preferiti nel vostro browser, la persona violenta potrebbe eventualmente scoprire che avete raccolto informazioni su questo argomento.
Per evitare questo pericolo avete la possibilità di cancellare le tracce lasciate. La cosa più sicura è comunque quella di leggere tali pagine su un computer al quale la persona violenta non abbia accesso.
Su questa pagina trovate brevi istruzioni sul modo di cancellare le vostre tracce dopo aver navigato.

»» In preparazione - sarà pubblicato presto.

Newsblog

FAQ

Questa FAQ potrebbe interessarvi ugualmente: «Violenza domestica»

Le misure di prevenzione sono davvero efficaci?
I minori godono di una protezione speciale per legge?
Il singolo cittadino può contribuire alla prevenzione della violenza gio-vanile?
Quali altre autorità e istituzioni sono attive nell’opera di prevenzione?
La polizia è competente anche per la prevenzione della violenza giovanile?
E’ vero che anche le ragazze fanno sempre più ricorso alla violenza?
Le droghe e l’alcol possono scatenare reati di violenza?
In Svizzera vi sono giovani abitualmente violenti e bande giovanili? E se sì, cosa si sa di loro?
E’ vero che la maggioranza dei giovani autori di reati sono stranieri?
Si può riconoscere già prima della pubertà se un giovane è propenso alla violenza o se è molto probabile che lo diventerà?
Quali sono i fattori che influenzano la delinquenza giovanile?
I genitori possono anch’essi essere chiamati a rispondere?
Quali pene e misure prevede il diritto penale minorile?
Quale scopo ha il diritto penale minorile?
Cosa succede ai colpevoli?
Cosa succede dopo la denuncia?
Quando si deve sporgere denuncia?
Oltre alle statistiche sulle denunce e sulle condanne, vi sono altre fonti che mostrano l’andamento della violenza giovanile?
Che cosa ci dicono sull’andamento della violenza giovanile le statistiche sulle denunce e sulle condanne condotte negli ultimi anni?
Con quali reati commessi dai giovani deve maggiormente confrontarsi la polizia? Vi sono specifici gruppi di giovani che la preoccupano in particolare?
Criminalità, delitti, delinquenza, criminalità violenta, reato; si intende sempre la stessa cosa?
Che persone possono essere definite «giovani»?
Vi sono altre statistiche che consentono un’analisi della criminalità giovanile?
Qual è la differenza tra statistiche sulle denunce e statistiche sulle condanne?
Cosa si sa della criminalità non rilevata?

Downloads

Indirizzi



Abonnamenti

Twitter

Facebook


Indirizzi

Top 10 FAQ

Top 10 Downloads