Navigazione: Vai all'inizio del testo (salta il menu di navigazione), Vai alla ricerca, Vai alla selezione lingua, Via ai link importanti, Vai alle informazioni aggiuntive (salta il contenuto) Vai al menu di navigazione principale,

A A A

Campagna: Basta! Violenza domestica

Campagna: Basta! Violenza domestica
Anche fra le mura di casa...

La vita di famiglia non sempre è idilliaca. Il solo fatto di convivere con altre persone in uno spazio circoscritto è fonte di potenziale conflittualità. Negli ultimi tempi si moltiplicano le notizie che parlano di «violenza domestica». Ma davvero la violenza tra persone unite da un legame affettivo è improvvisamente aumentata?

No! La violenza nella coppia e nella famiglia è sempre esistita. Da tempo le case delle donne e i consultori cercano di attirare l’attenzione sul fenomeno. E’ però aumentata la sensibilità del grande pubblico ed inoltre il modo di pensare nella società si è modificato. La violenza fra mura domestiche non viene più considerata un problema relazionale che riguarda solo due persone, ma è diventata una questione che tocca tutti e che non deve più essere tollerata. La protezione nei confronti della violenza è un diritto di ogni individuo, e vale anche in casa propria. Lo Stato e la polizia vogliono provvedere a garantire questa protezione.
...la violenza è un reato!
Chi picchia esercita violenza. Chi esercita violenza è punibile. Ecco perché la polizia interviene quando viene sollecitata. Per ordine dello Stato protegge le vittime e interroga gli autori. Questo opuscolo illustra come la polizia procede in caso di «violenza domestica» e spiega come può reagire chi è leso o coinvolto.

La «violenza domestica» si manifesta sotto forma di:
  • violenza psichica
  • violenza fisica
  • violenza sessuale
  • violenza economica
Ecco alcuni esempi di comportamenti violenti che contravvengono direttamente alle norme del Codice penale svizzero:
  • picchiare
  • rinchiudere
  • oltraggiare, intimidire, minacciare con delle armi
  • utilizzare delle armi
Della «violenza domestica» fanno già parte azioni malvagie come:
  • trascurare
  • privare del denaro
  • perseguitare
  • sorvegliare in modo eccessivo
  • isolare una persona, per esempio vietandole i contatti
Fatti e dati
Con il passare del tempo gli atti di violenza si moltiplicano. Varie forme possono presentarsi contemporaneamente. Lentamente la persona violenta sviluppa un comportamento punibile.

La «violenza domestica» colpisce prevalentemente donne e bambini. Esiste anche la violenza nei confronti degli uomini, ma un’indagine ha dimostrato che in Svizzera una donna su cinque subisce almeno una volta nel corso della vita atti di violenza fisica o sessuale da parte del suo partner.
La violenza nei confronti delle donne è di regola l’espressione di rapporti di potere sbilanciati all’interno di una coppia. Si stima che in Svizzera circa 10’000 donne si rivolgono ogni anno alla polizia chiedendo protezione nei confronti della «violenza domestica».  Le conseguenze di questa violenza, comportano per l’economia svizzera costi annui di gran lunga superiori ai 400 milioni di franchi.

Questi reati rientrano nel concetto di «violenza domestica» se avvengono fra persone vicine, ossia se riguardano persone legate da un rapporto familiare o di coppia, attuale oppure sciolto in precedenza.

Solitamente la violenza domestica si manifesta in piccole reaziono. Con il passare del tempo gli atti di violenza si moltiplicano. Varie forme possono presentarsi contemporaneamente. Lentamente la persona violenta sviluppa un comportamento punibile.
La polizia interviene immediatamente!
La polizia interviene, informa le vittime sulle possibilità che la legge offre loro e indaga nei confronti dei sospetti autori.

Sporge denuncia alle autorità penali o redige un rapporto all’attenzione dei competenti uffici statali.

La «violenza domestica» viene dunque trattata alla stessa stregua degli altri casi di violenza. E quando si tratta di violenza, neanche le mura domestiche sono tabù per la polizia. Di fronte alla «violenza domestica», infatti, una sola cosa è ammissibile: tolleranza zero! La polizia perciò prende sul serio ogni segnalazione. La polizia protegge le vittime e interpella gli autori.
Informazioni, aiuto e consulenza
In molti cantoni della Svizzera esistono specifiche offerte di consulenza e d’aiuto nei casi di «violenza domestica». Un elenco si trova a questa pagina.

Tramite il telefono potete ottenere senza impegno un colloquio che può esservi d’aiuto.
Il numero telefonico 143 – Telefono amico.

La maggior parte dei consultori sono gratuiti. Tutte le informazioni e tutto il contenuto del colloquio sono trattati in modo confidenziale.

Ulteriori passi vengono intrapresi solo con il consenso delle persone interessate.  


Naturalmente potete anche scaricare la brochure come PDF.
deutsch: «Zuhause im Unglück»
français: «Péril en la demeure»
italiano: «Quando l’infelicità è di casa»

Newsblog

FAQ

Questa FAQ potrebbe interessarvi ugualmente: «Violenza domestica»

Le misure di prevenzione sono davvero efficaci?
I minori godono di una protezione speciale per legge?
Il singolo cittadino può contribuire alla prevenzione della violenza gio-vanile?
Quali altre autorità e istituzioni sono attive nell’opera di prevenzione?
La polizia è competente anche per la prevenzione della violenza giovanile?
E’ vero che anche le ragazze fanno sempre più ricorso alla violenza?
Le droghe e l’alcol possono scatenare reati di violenza?
In Svizzera vi sono giovani abitualmente violenti e bande giovanili? E se sì, cosa si sa di loro?
E’ vero che la maggioranza dei giovani autori di reati sono stranieri?
Si può riconoscere già prima della pubertà se un giovane è propenso alla violenza o se è molto probabile che lo diventerà?
Quali sono i fattori che influenzano la delinquenza giovanile?
I genitori possono anch’essi essere chiamati a rispondere?
Quali pene e misure prevede il diritto penale minorile?
Quale scopo ha il diritto penale minorile?
Cosa succede ai colpevoli?
Cosa succede dopo la denuncia?
Quando si deve sporgere denuncia?
Oltre alle statistiche sulle denunce e sulle condanne, vi sono altre fonti che mostrano l’andamento della violenza giovanile?
Che cosa ci dicono sull’andamento della violenza giovanile le statistiche sulle denunce e sulle condanne condotte negli ultimi anni?
Con quali reati commessi dai giovani deve maggiormente confrontarsi la polizia? Vi sono specifici gruppi di giovani che la preoccupano in particolare?
Criminalità, delitti, delinquenza, criminalità violenta, reato; si intende sempre la stessa cosa?
Che persone possono essere definite «giovani»?
Vi sono altre statistiche che consentono un’analisi della criminalità giovanile?
Qual è la differenza tra statistiche sulle denunce e statistiche sulle condanne?
Cosa si sa della criminalità non rilevata?

Downloads

Indirizzi



Abonnamenti

Twitter

Facebook


News

mehr...

Indirizzi

Top 10 FAQ

Top 10 Downloads