Navigazione: Vai all'inizio del testo (salta il menu di navigazione), Vai alla ricerca, Vai alla selezione lingua, Via ai link importanti, Vai alle informazioni aggiuntive (salta il contenuto) Vai al menu di navigazione principale,

A A A

Internet

Internet
Mercato illegale in Internet.
Internet non ha confini e appare dunque come uno spazio incredibilmente complesso. Per questo motivo molte persone credono che in Rete la legge non abbia alcuna giurisdizione.

Qui la polizia non esercita una vera e propria autorità! Molti credono, sbagliandosi, di navigare in Rete anonimamente, finché non danno il proprio nome o i propri dati personali. In base a tali circostanze, certe persone sono maggiormente inclini a commettere dei reati in Internet. La polizia tuttavia intende chiarire: Internet non può essere uno spazio senza giurisdizione. Oggi la Rete è un importante mezzo di comunicazione per tutti, al pari di una strada. Le persone che percorrono quest’autostrada informatica devono essere tutelate come nel mondo reale; pertanto la polizia combatte i crimini in Internet con determinazione così come nella vita reale.

In Internet e attraverso i nuovi mezzi di comunicazione si finisce per commettere sempre di più reati a sfondo sessuale su bambini e ragazzi. Con Internet e i nuovi mezzi di communicazione è aumentato il numero di reati a sfondo sessuale su bambini e ragazzi. E’ importante che sia loro che i tutori conoscano questi rischi. I tipi di reati commessi:
  • La pornografia infantile in Internet: in Rete tali persone scambiano immagini di pornografia infantile.
  • I bambini ed i ragazzi in Internet accedono ad immagini pornografiche: in tutta la rete ci si confronta con offerte pornografiche. La legge condanna il rendere accessibile a bambini e ragazzi in età protetta qualsiasi tipo di materiale pornografico.
  • Internet come luogo del reato oppure strumento di preparazione al reato sessuale sui bambini: nelle Chat, nei forum e nelle altre comunità che si trovano in rete i potenziali autori del crimine, oggi allacciano contatti con le vittime. Grazie al collegamento in Rete tramite cellulare, web cam oppure fotocamera digitale, i limiti della privacy sono rapidamente violati.
Su Internet non regna l'anarchia
Diviene sempre più evidente che la polizia è preparata nella Rete; collabora in Rete con la criminal pool internazionale, i cui specialisti conoscono bene il mondo informatico; infatti hanno grossa esperienza in questioni che riguardano la pornografia infantile. In maniera mirata sorvegliano Internet e sono alla ricerca in Rete di coloro, che commettono reati sessuali su bambini o che si preparano a farlo in Internet. Di anno in anno aumentano i successi della polizia, perché sempre più autori di reati vengono acciuffati per poi essere processati e condannati dalla legge.
La pedopornografia in Internet
La pornografia infantile, grazie alla rapida diffusione in Internet, è cresciuta enormemente negli ultimi anni. Il business legato al sesso commesso sui bambini è molto vantaggioso in termini economici: nel mondo si stima un giro d’affari di 20 miliardi di dollari l’anno. Queste azioni mostruose sono tanto più costose quanto più giovani sono le vittime e quanto più sadici sono i soprusi commessi. Grazie al progresso tecnologico la pornografia infantile è facilmente realizzabile. In passato era necessario dotarsi di equipaggiamenti video e laboratori fotografici molto costosi. La spedizione era pericolosa perché avveniva per posta e doveva dunque superare la frontiera. Lo scambio avveniva in completa segretezza, in situazioni comunque ben risapute. Oggi si utilizzano fotocamere digitali nascoste, mail e nuovi supporti di memoria.
Internet come luogo del reato
Nei forum delle Chat, dialogano fra di loro persone appartenenti ad ogni fascia d'età e danno confidenza in maniera ingiustificata. I bambini sono le persone maggiormente a rischio. Ci sono adulti in cerca di bambini per consumare atti sessuali. Chat, telefono, SMS, web cam e videofonino fungono da canali preferenziali per commettere questi reati. A volte tali persone vogliono persino dare appuntamento a bambini. In Internet si commettono tuttavia anche altri reati. Si tratta per lo più di violazioni della privacy. Sui siti web e nei forum, i ragazzi pubblicano i propri dati personali e le proprie immagini, a volte anche di altre persone e la legge lo vieta poiché non è stato chiesto il loro permesso.
Bambini e ragazzi in Internet – accesso alla pornografia?
Secondo le leggi vigenti, le persone adulte possono guardare immagini pornografiche e acquistarle anche via Internet; certe forme di pornografia tuttavia sono vietate anche agli adulti; si tratta di immagini pornografiche con animali, con escrementi, con scene di violenza e atti pornografici commessi sugli infanti.

Newsblog

FAQ

Downloads

Questo download potrebbe interessarvi ugualmente: «Chat», «Pedocriminalità»

Adressen

Questi indirizzi potrebbero interessarvi ugualmente: «Internet»



Abonnamenti

Twitter

Facebook


Indirizzi

Top 10 FAQ

Top 10 Downloads